Biography



Jacopo Fonte nasce a Popoli(PE) nel 1982.
Nel 2004, si diploma al Istituto D’Arte Mazara Sulmona (AQ). Inizia a studiare pittura come autodidatta. Svolge pitture murali di strada per un periodo poi dipinge ad olio attraverso il figurato mentre lavora come cartongessista e falegname.
Durante l’esperienza durata 4 anni e interrotta nel Dipartimento di Architettura “G. d’Annunzio” di Pescara non ha tempo di creare un atelier e negli esigui spazi di tempo comincia ad avvicinarsi di piu alla scienza fotografica che gli permette di offrire un interpretazione immediata delle sue esigenze.
Sperimentando con inquadrature strette cattura porzioni scelte del soggetto avvicinandosi all'astrazione architettonica, ne studia gli aspetti compositivi quando frequenta le città, mentre nei momenti in cui torna nell’entroterra abruzzese si occupa degli spazi aperti del paesaggio studiandone gli effetti di luce piu morbidi e variegati rispetto alla linearità urbana, in altre situazioni osserva con curiosità l'effetto di drammaticità dei soggetti isolati degli ambienti aperti durante le sue escursioni. Condividendo il pensiero di Otto Steiner che scriveva: “la creazione fotografica assoluta, nel suo aspetto più libero, rinuncia ad ogni riproduzione della realtà”.Questi anni saranno significativi e lasceranno il segno per il passo successivo ed il recupero della pittura, da quì la scelta di utilizzare le figure geometriche come soggetto principale.



L’assonometria nasce da una proiezione parallela, con un centro di proiezione a distanza infinita; ciò consente la conservazione dei parallelismi, deformazioni angolari secondo ampiezze codificate e rapporti di riduzione delle dimensioni lineari definiti dalle convenzioni. Nel campo dell’Architettura si usa spesso l’assonometria “esplosa”, nella quale i singoli componenti vengono rappresentati individualmente, traslandoli nella direzione degli assi rispetto alla posizione che avranno a montaggio ultimato. Ciò rende facile la “ricostruzione” mentale dell’oggetto nel suo insieme esprimendo simultaneamente e con estrema chiarezza la logica formale e i processi costruttivi.

E’ in questo quadro che dunque va letta la pittura di Jacopo Fonte, dove l’intersecarsi delle figure architettonico-geometriche si definiscono in strutture “impossibili” ma al tempo stesso realizzabili secondo una loro propria architettura. Lavorando su sul rapporto Spazio-Colore si può definire il fulcro di quella stretta connessione e interazione di due forze opposte, una analitica e l’altra sintetica, una centrifuga e l’altra centripeta. L’insieme delle forme è sempre complesso, dove la realtà è del tutto apparente e si manifesta con più dinamiche spaziali e più sonorità cromatiche, creando luoghi metafisici dove tutto è possibile anche se apparentemente fermo. Il colore suggerisce forti contrasti armonici, dando profondità e poesia a strutture apparentemente fredde connotandole di grande emotività. In questi spazi anticlassici i blocchi architettonici si soffocano l’uno contro l’altro in modo armonico, emettendo una loro logica di energie cromatico-dinamiche. In tali strutture vitali Jacopo Fonte genera atmosfere di luoghi vissuti tra realtà e immaginazione dove il tempo sembra apparentemente fermo, accettando i piani che diluisce con una serie di slittamenti che si fingono sia come spessori che come profondità. Le strutture assumono una caratterizzazione “umana” attribuendosi una vita propria, specchio dei sentimenti che l’uomo esprime. Il tutto è condotto secondo la legge della forma dissonante e delle strutture sincopate e il risultato genera un rovesciamento dello spazio cubico di marca umanistico-rinascimentale da horror pleni il quale dà allo spettatore una specie di vertigine nel guardare. E’ come se fosse impazzito il polo magnetico della percezione, sia mentale che spaziale.


Artigiano; 2004 - 2015 Esperienza di vari anni come resturatore di mobili del 900', infissi, portoni, pittore, installatore di tettoie in legno, parquet, controssoffitti e pareti in cartongesso.
Airbrusher; aerografista  2008 – 2014 Esperienza di vari anni con la tecnica dell’aerografia maturata da autodidatta. I miei maestri di ispirazione sono per la maggior parte americani.  
Esperienza universitaria 2004 – 2008 Frequenta per 4 anni il Dipartimento di Architettura di Pescara dell’Università “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara. Esperienza interrotta.




Exhibitions



2017/04 Opere per la tutela ambientale, Maison des Arts della Fondazione Pescarabruzzo, Pescara (PE);
2016/11 Premio d'arte contemporanea di Sulmona XLII 
2016/07 Mostra personale, Palazzo Santucci, Navelli (AQ);
2016/3  25°Rassegna Pittori Peligni_Palazzo Mazara, Sulmona (AQ); manifesto

2015/12 FOCUs(m!) Collettiva_Museo Civico Aufidenate, Chiostro della Maddalena, Castel Di Sangro (AQ); manifesto
2015/12 Premio Internazionale Lìmen Arte VII ed., _complesso Valentinianum Vibo Valentia, a cura di Vincenzo Le Pera, Giorgio Di Genova, Lara Caccia, Giorgio Bonomi.
2015/12 Galleria d'arte Spazio Varco_collettiva "Portafortuna";  Photos manifesto
2015/12 Galleria d'arte MAW_collettiva 10x10xMAW_Sulmona (AQ) ;
2015/12 Selezionato in "Generazioni a confronto" Rassegna Internazionale d'Arte Contemporanea  a cura di Giorgio di Genova Palazzo Sforza Cesarini, Genzano di Roma (RM) ; manifesto
2015/10 Collettiva "Pittori Peligni", Palazzo Colella, Pratola Peligna (AQ); 
2015/10 Mostra personale di pittura "IN-CUBI", Museo Taverna Ducale, Popoli (PE);
2015/9 Premio d'arte contemporanea di Sulmona XLII , Premiato con Targa de “Il Quadrivio” con l'opera “Dialoghi del tempo e dello spazio” ; Photos
2015/9 Selezionato per Premio Auditorium città di Isernia III edizione, Segnalato con merito; manifestoPhotos
2015 /8 Mostra personale "Le stanze del tempo", Ecomuseo Palazzo Rivera,Vittorito (AQ); Photos
2015 /8 Premio di Pittura Estemporanea di Frattura (AQ);
2015/1 Vincit Amor “Lo Vince Amore” (Collectiva) Museo Civico Palazzo SS. Annunziata, Sulmona (AQ); manifesto
2015 /3 Binario 24 (Collectiva), Sulmona (AQ); 





2015 Caffè Nero Bollente (Collectiva), Sulmona (AQ);





2014 "Il Mio Borgo” (Collettiva) 8 giugno al 6 luglio, Palazzo Tonno, Pacentro, (AQ);
2014 I Concorso fotografico"Il Mio Borgo", Castello Cantelmo, Pettorano sul Gizio,  (AQ). ( 5° premio); http://www.paesaggidabruzzo.com/images/borgo2014/ilmioborgo_prezza_fonte.jpg





2014 VENERabilia. Immagini di Venere nella città di Ovidio (Collectiva), Civic Museum_Palace of SS. Annunziata, Sulmona (AQ); manifesto  
2011 VI edizione Estemporanea "Colori di Orsogna", Orsogna, (CH);
2011 Premio di Pittura Estemporanea “KRISTIAN ZAHRTMANN” Civita d’Antino (AQ); manifesto 





2011 L'Abruzzo visto da Jacopo Fonte (Personale fotografica), Ex-grottino, Popoli (PE)